avanti 26/02/2014 - SISTRI: entrata in funzione il 03 marzo 2014

La legge di conversione del d.l. n. 101/2013 ha prorogato fino al 1 agosto 2014 il periodo durante il quale non si applicano le sanzioni per le violazioni degli obblighi relativi al SISTRI.

Per tale periodo rimangono obbligatori gli adempimenti di tenuta dei registri di carico e scarico, dove previsto, e dei formulari di identificazione, per le cui violazioni sono applicabili le relative sanzioni fino al 1 agosto 2014, salvo ulteriore proroga introdotta nel decreto mille proroghe in discussione il prossimo 28 febbraio.

Il 1° ottobre 2013 il sistema è entrato in funzione per:

- i trasportatori di rifiuti speciali pericolosi prodotti da terzi, compresi i vettori esteri che effettuano trasporti di detti rifiuti sul territorio nazionale o in partenza dall’Italia verso l’estero: si tratta di tutti i soggetti che trasportano rifiuti speciali pericolosi prodotti da terzi con l’iscrizione alla categoria 5 all’Albo Gestori Ambientali;

- gli impianti che trattano, recuperano, smaltiscono rifiuti speciali pericolosi ad eccezione del deposito preliminare o della messa in riserva (D15 o R13) effettuata dai produttori dei rifiuti stessi presso il luogo di produzione;

- i “nuovi produttori”, cioè i soggetti che producono sia rifiuti pericolosi che rifiuti non pericolosi dalle attività di trattamento di rifiuti pericolosi e non pericolosi, sia speciali che urbani;

- gli intermediari e commercianti di rifiuti speciali pericolosi.

 

Dal 3 marzo 2014, saranno obbligati all’utilizzo di SISTRI:

- i produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi, anche per le operazioni di stoccaggio (deposito preliminare – D15, messa in riserva – R13) dei rifiuti da loro prodotti all’interno del luogo di produzione;

- i trasportatori di rifiuti speciali pericolosi da loro stessi prodotti (cosiddetto “trasporto in conto proprio”) sia se iscritti all’Albo Gestori Ambientali con le modalità semplificate, ai sensi dell’art. 212, comma 8, del d.lgs. n. 152/2006, sia se iscritti alla categoria 5 del medesimo Albo;

- i Comuni e le imprese di trasporto di rifiuti urbani del territorio della Regione Campania

 

La scadenza per il versamento del contributo annuale per gli utilizzatori del sistema è fissato per il 30 aprile.

 
 

Per ulteriori informazioni, non esitate a contattarci!

 

Fonte: Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare