avanti 22/05/2014 - CompetitivitÓ: Italia ancora ultima in Europa

Secondo la recente ricerca condotta da Confindustria Intellect (Federazione Italiana della Comunicazione) e Assirm (Associazione degli istituti di ricerca) relativa all’indice di competitività internazionale (International Slim Factor Index -ISFI) i Paesi europei esaminati hanno recuperato capacità competitiva sui mercati internazionali nel corso del 2013, ma l’Italia occupa ancora l’ultima posizione in Europa per capacità competitiva.
 
L’International Slim Factor Index (ISFI) ha preso in considerazione l’andamento economico di sei Paesi europei di cui:
  • tre economie più competitive (Francia, Germania e Regno Unito);
  • tre che soffrono l’attuale incertezza (Italia, Portogallo e Spagna).
L’indice si è basato su quattro componenti:
  1. PIL (Gross Domestic Product) e domanda interna;
  2. Sentiment (Economic Sentiment Index);
  3. Importazioni;
  4. Esportazioni.

L’Italia si è posizionata in coda agli altri Paesi, con il valore più basso dell’indicatore (98,99), prima di lei la Spagna con un punteggio di 99,39, il Portogallo (99,75), la Francia (99,62), la Germania (101,95) e quindi la capolista, la Gran Bretagna con un punteggio di 104,18. In generale tutti i sei Paesi hanno dimostrato una certa tendenza al recupero di capacità competitiva nel corso del 2013.

Fonte: ASSIRM